Chuyển sản xuất loa kéoBlogGli effetti collaterali variano da vaccino a vaccino, secondo Privor-Dumm
Thứ năm, ngày 04/06/2020 - 21:07

Gli effetti collaterali variano da vaccino a vaccino, secondo Privor-Dumm

Gli effetti collaterali variano da vaccino a vaccino, secondo Privor-Dumm

Di Quinn Phillips, 7 luglio 2020 “

Ridurre il rischio di ammalarsi, che è ciò che fanno i vaccini, ha molto senso durante la pandemia. Stuart Paton /

Poiché il nuovo coronavirus continua a infettare decine di migliaia di persone ogni giorno negli Stati Uniti, i ricercatori stanno correndo per sviluppare un vaccino COVID-19. Ma questo autunno, gli esperti di salute pubblica si stanno concentrando anche sui vaccini già esistenti, come quelli per l’influenza, la polmonite e l’herpes zoster.

“Con la pandemia COVID-19, è più importante che mai rimanere il più sani possibile, e questo include la prevenzione delle malattie per le quali ci sono vaccini”, afferma Lois Privor-Dumm, direttore del programma di vaccini per adulti presso la Johns Hopkins Bloomberg School dell’International Vaccine Access Center della sanità pubblica a Baltimora.

Le persone che hanno più di 50 anni devono essere particolarmente vigili sulle loro vaccinazioni. Questo perché, invecchiando, il tuo sistema immunitario diventa meno efficace nel combattere le infezioni. Aumenta anche il rischio di malattia grave da COVID-19.

“In particolare nelle persone anziane, il cui sistema immunitario diminuisce con l’età, si desidera evitare condizioni che potrebbero indebolirti ulteriormente e aumentare il rischio di conseguenze più gravi del COVID-19 se lo contraggono”, dice Privor-Dumm.

Ecco un riepilogo di tre vaccini chiave da conoscere.

CORRELATO: Come prepararsi per il COVID-19 e l’influenza ‘Twindemic’

Quali vaccini dovresti considerare di ottenere questo autunno?

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandano che le persone di età pari o superiore a 50 anni siano vaccinate contro quanto segue:

Influenza (influenza) Polmonite (per coloro che hanno 65 anni e più) Herpes zoster

Il vaccino antinfluenzale

Causata dal virus dell’influenza, l’influenza è una malattia respiratoria contagiosa che può provocare qualsiasi cosa, da malattie lievi a pericolose per la vita.

Mentre il CDC raccomanda il vaccino antinfluenzale annuale per tutti gli adulti (più i bambini di età superiore a 6 mesi), le persone di età pari o superiore a 50 anni dovrebbero ottenere la forma “ricombinante” o “inattivata” dell’iniezione.

A differenza di altri vaccini antinfluenzali, i vaccini ricombinanti o inattivati ​​non contengono una versione indebolita del virus vivo. Invece, sono costituiti da una forma sintetica di DNA del virus dell’influenza. I vaccini antinfluenzali ricombinanti o inattivati ​​hanno meno effetti collaterali per gli anziani rispetto ai colpi che utilizzano forme indebolite del vero virus.

A differenza della maggior parte dei vaccini antinfluenzali, i vaccini antinfluenzali ricombinanti o inattivati ​​non sono realizzati utilizzando uova di gallina, quindi sono sicuri per le persone con allergie alle uova.

In passato, il vaccino antinfluenzale quadrivalente (progettato per fornire protezione contro quattro ceppi influenzali in circolazione) era riservato a persone di età pari o superiore a 65 anni, con tutti gli altri che ricevevano un’iniezione trivalente (progettata per proteggere da tre ceppi).

Ma quest’anno, a causa degli sforzi per limitare la diffusione dell’influenza durante la pandemia COVID-19, il CDC raccomanda a tutti i vaccini antinfluenzali quadrivalenti.

CORRELATO: Rita Wilson è una sopravvissuta COVID-19 – e l’ha resa una sostenitrice del vaccino antinfluenzale

Il colpo di polmonite

La polmonite è un’infezione polmonare solitamente causata da batteri, virus o funghi. Può causare malattie da lievi a estreme in persone di tutte le età, afferma il CDC, ed è una complicanza comune sia dell’influenza grave che del COVID-19.

Mentre le persone hanno bisogno di ottenere un vaccino antinfluenzale ogni anno, molti vaccini contro la polmonite richiedono solo una dose (con, forse, un secondo colpo noto come richiamo) per fornire protezione per tutta la vita.

Il CDC raccomanda il vaccino PPSV23 (vaccino polisaccaridico pneumococcico) a tutti i 65 anni di età. Il CDC lo consiglia anche per gli adulti di età inferiore ai 65 anni che hanno una condizione medica cronica che aumenta il rischio di polmonite. Questi problemi di salute includono diabete e problemi che coinvolgono cuore, fegato, reni o polmoni (come malattia polmonare ostruttiva cronica, enfisema e asma).

Le persone che ricevono l’iniezione di PPSV23 quando sono più giovani dovrebbero ricevere un richiamo dopo i 65 anni, con un minimo di cinque anni tra gli scatti, dice il CDC.

Il CDC raccomanda anche il vaccino PCV13 (vaccino coniugato pneumococcico) per alcuni adulti di età pari o superiore a 65 anni. Indipendentemente dal fatto che tu ottenga o meno l’iniezione dovrebbe comportare una conversazione con il tuo medico sul tuo rischio di esposizione a determinati ceppi di batteri.

Il CDC consiglia anche il vaccino PCV13 (vaccino coniugato pneumococcico) per le persone che hanno 19 anni e più che hanno condizioni mediche come l’HIV, l’insufficienza renale o il linfoma.

Il vaccino contro l’herpes zoster

L’herpes zoster è un’infezione causata dalla varicella zoster, lo stesso virus che causa la varicella.

Le persone di età pari o superiore a 50 anni dovrebbero ricevere il vaccino ricombinante zoster a due dosi (fuoco di Sant’Antonio) – la scelta più efficace – o il vaccino vivo a una dose. Il rischio di herpes zoster aumenta con l’età, quindi è particolarmente importante che le persone anziane siano vaccinate, secondo il CDC.

Il CDC suggerisce anche un vaccino contro la varicella per gli anziani a rischio di varicella (varicella), compresi quelli che non hanno avuto la varicella quando erano più giovani e che vivono con bambini piccoli. Il vaccino contro la varicella viene somministrato in due dosi.

Quando dovresti programmare i tuoi vaccini?

Gli anziani dovrebbero ricevere i vaccini antinfluenzali entro la fine di ottobre o, idealmente, anche prima, in particolare alla luce del previsto aumento della domanda per la stagione invernale 2020-21 causata dalla pandemia COVID-19.

In effetti, date le preoccupazioni che circondano la pandemia, gli anziani dovrebbero assicurarsi di essere aggiornati su tutte le loro vaccinazioni e su eventuali richiami entro la fine di ottobre, prima che inizi l’inverno, dice Privor-Dumm.

Tuttavia, è importante scaglionare le vaccinazioni, poiché farle tutte in una volta potrebbe portare a complicazioni. Parla con il tuo medico per impostare un programma di vaccinazione che funzioni per te.

CORRELATO: Ottieni un vaccino antinfluenzale ora o aspetta?

Quali sono i pro e i contro dell’essere vaccinati?

I benefici della vaccinazione generalmente superano di gran lunga i rischi, dice Privor-Dumm. Sebbene i vaccini abbiano alcuni effetti collaterali, la maggior parte sono lievi e temporanei.

“La più grande” truffa “è contrarre una malattia [prevenibile con il vaccino], che può portare a ulteriori complicazioni per la salute”, aggiunge. “Ad esempio, le persone ricoverate in ospedale con l’influenza hanno una maggiore probabilità di infarto o ictus a seguito della loro malattia e le conseguenze economiche di una malattia grave possono essere catastrofiche per alcuni. Ecco perché è meglio prevenire le malattie in primo luogo. “

CORRELATO: Everyday Health Flu Map Tracker

Quali effetti collaterali dovrei cercare?

Gli effetti collaterali variano da vaccino a vaccino, secondo Privor-Dumm.

Secondo il sito web del Dipartimento della Salute e del Servizio Umano degli Stati Uniti Vaccine. org, i problemi comuni includono:

Dolore al sito di iniezione Febbre di basso grado Brividi Mal di testa Dolori muscolari Affaticamento

In casi molto rari, potresti essere allergico agli ingredienti di un vaccino o avere un’altra reazione grave. Se ti senti male in qualche modo dopo aver ricevuto un’iniezione, chiama il tuo medico, dice Privor-Dumm.

Chi dovrebbe essere vaccinato quest’autunno?

In realtà, chiunque abbia più di 6 mesi dovrebbe ricevere il vaccino antinfluenzale, soprattutto a causa della pandemia COVID-19. Sebbene tu possa ancora contrarre l’influenza anche dopo essere stato vaccinato (l’efficacia del vaccino varia di anno in anno, ma di solito è di circa il 50%) sapere che l’hai avuto probabilmente aiuterà il tuo team sanitario a diagnosticare se sviluppi sintomi che possono essere condivisi da COVID-19 e influenza, come:

Tosse Mal di gola Febbre Mancanza di respiro

CORRELATO: Dal naso alle dita dei piedi, l’elenco dei sintomi di COVID-19 continua a crescere

La vaccinazione contro l’influenza, la polmonite e l’herpes zoster aiuterà a prevenire il COVID-19?

La risposta breve è no. Ma ridurre il rischio di ammalarsi di influenza, polmonite o fuoco di Sant’Antonio – che è ciò che fanno questi vaccini – ha molto senso durante la pandemia, dice Privor-Dumm.

Ridurre il rischio di malattie prevenibili con il vaccino ti aiuterà a evitare studi medici e ospedali, il che ridurrà qualsiasi potenziale esposizione al coronavirus, aggiunge Privor-Dumm.

Inoltre, Privor-Dumm afferma: “Prevenire malattie gravi può aiutarti a tenerti fuori dall’ospedale in un momento in cui potrebbero essere necessarie risorse sanitarie per curare i pazienti COVID-19. “

Iscriviti alla nostra Newsletter per una vita sana!

L’ultima novità in fatto di freddo Influenza

Ti stai lavando le mani correttamente durante COVID-19? Fai questo quiz per vedere se hai buone tecniche di igiene delle mani

Quale metodo di lavaggio delle mani uccide la maggior parte dei germi? È meglio l’acqua calda o l’acqua fredda? Dovresti usare acqua e sapone o disinfettante per le mani per proteggerti. . .

Di Alyssa Etier, 13 ottobre 2020

La dieta cheto può aiutare a combattere l’influenza?

Uno studio ha scoperto che una dieta povera di carboidrati e ricca di grassi proteggeva i topi dall’influenza.  

Di Don Rauf, 5 dicembre 2019

Cosa devi sapere sulla stagione influenzale 2019-2020

La morte di un bambino di 4 anni in California sottolinea la gravità della malattia e l’importanza della vaccinazione, affermano i funzionari sanitari.

Di Don Rauf, 20 settembre 2019

Gli antibiotici possono rendere il vaccino antinfluenzale meno efficace interrompendo i microbi intestinali

Un nuovo studio suggerisce che gli antibiotici orali possono ridurre la risposta immunitaria del corpo al vaccino.

Di Don Rauf, 12 settembre 2019

Il numero di bambini a cui mancano i vaccini critici continua ad aumentare

Il primo caso di morte pediatrica correlata all’influenza in bambini non vaccinati arriva quando il CDC pubblica rapporti sulla copertura vaccinale complessiva per altre malattie infettive. . .

Di Fran Kritz, 17 ottobre 2018

Una nuova ricerca sull’influenza potrebbe segnalare un nuovo trattamento

Uno studio si è concentrato su ciò che rende un particolare ceppo influenzale così difficile da combattere.

Di Shari Roan, 23 marzo 2018

Rimanere in buona salute su un aereo può avere a che fare con il posto in cui ti siedi

Uno studio sui germi su un aereo ha monitorato il modo in cui le malattie infettive si diffondono sui voli passeggeri.

Di Shari Roan, 20 marzo 2018

Come rompere una febbre: consigli consigliati dal medico

Entro il 14 novembre 2017

10 rimedi naturali contro il raffreddore approvati dal medico

Entro il 14 novembre 2017

Vaccini COVID-19 e BPCO: dovresti farti una vaccinazione?

Enfisema, bronchite cronica e altri tipi di BPCO aumentano il rischio di COVID-19, rendendo la vaccinazione particolarmente critica. Ecco alcune cose importanti da fare. . .

Di Becky Upham, 30 aprile 2021 “

La ricerca sui farmaci biologici della psoriasi e sul rischio di malattie cardiache è in fase iniziale ma entusiasmante. Salute quotidiana

Le persone con psoriasi che sono in terapia biologica possono ottenere un ulteriore impulso alla loro salute generale: un rischio ridotto di malattie cardiache.

Secondo uno studio pubblicato nel numero di settembre 2020 della rivista Circulation: Cardiovascular Imaging, le persone che hanno ricevuto farmaci biologici come adalimumab e ustekinumab per un anno per gestire la loro psoriasi avevano livelli più bassi di un tipo di placca coronarica chiamata nucleo necrotico ricco di lipidi (LRNC ) rispetto alle persone che non hanno ricevuto i farmaci.

La LRNC è stata collegata a un rischio più elevato di infarto e ictus nelle persone con malattia coronarica.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) descrivono la placca come depositi di colesterolo che si accumulano sulle pareti delle arterie, causando blocchi che possono portare alla malattia coronarica. La malattia coronarica è la forma più comune di malattia cardiaca negli Stati Uniti, che colpisce circa 18 milioni di persone, afferma il CDC.

“La [nostra] attuale ipotesi è che il trattamento della psoriasi possa comportare un abbassamento del rischio di malattie cardiovascolari nel tempo”, spiega Joel M. Gelfand, MD, direttore del Psoriasis and Phototherapy Treatment Center presso la University of Pennsylvania’s Perelman School of Medicine Philadelphia, che è stato uno dei coautori del nuovo studio.

CORRELATO: The Consumer’s Guide to Biologics for Psoriasis

Come funzionano i biologici

Sembra che la terapia biologica e la fototerapia – due trattamenti comunemente usati per la psoriasi – possano entrambi lavorare per ridurre i livelli di LRNC nel sangue. LRNC è tra i numerosi biomarcatori principali (segni misurabili) in grado di prevedere futuri attacchi di cuore, afferma il dottor Gelfand.

I biologici, che prendono di mira aree specifiche del sistema immunitario, sono stati utilizzati per il trattamento della psoriasi dall’inizio degli anni 2000. I farmaci biologici usati per trattare la malattia psoriasica bloccano l’azione di un tipo specifico di cellula immunitaria – una cellula T – o di proteine ​​nel sistema immunitario, come il fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF-alfa), l’interleuchina 17-A o le interleuchine 12 e 23, secondo la National Psoriasis Foundation.

Il TNF-alfa e le interleuchine svolgono tutti un ruolo importante nella psoriasi e nell’artrite psoriasica.

CORRELATI: 7 segni di cui potresti aver bisogno per cambiare il trattamento della psoriasi

Relazionato

Tutto quello che c’è da sapere sui biologici per la psoriasi

Ottieni i fatti sull’opzione di trattamento della psoriasi più mirata. …Per saperne di più

Uno sguardo più da vicino allo studio

Per il nuovo studio, Gelfand ei suoi colleghi hanno arruolato 209 persone con psoriasi che non erano ancora state trattate con farmaci biologici. All’incirca alla metà sono state prescritte terapie biologiche per curare la loro condizione, mentre il resto no.

La LRNC per le persone in entrambi i gruppi è stata valutata utilizzando l’angiografia con tomografia computerizzata coronarica, con misurazioni effettuate all’inizio dello studio e, di nuovo, un anno dopo.

In media, coloro che hanno ricevuto la terapia biologica hanno visto il loro LRNC diminuire da 3. 12 millimetri quadrati (mm2) a 2. 97 mm2 – o circa il 5 percento. Al contrario, coloro che non erano in terapia biologica hanno visto l’LRNC aumentare da 3, 12 a 3, 34 mm2, in media, un aumento del 6%.

CORRELATI: 8 condizioni di salute legate alla psoriasi

Malattie cardiache e psoriasi

Sebbene siano necessari studi più ampi per confermare gli effetti positivi dei farmaci biologici sulla LRNC e sul rischio di malattie cardiache, i risultati sono “entusiasmanti”, afferma Gelfand, perché recenti ricerche suggeriscono che le persone con psoriasi sono a maggior rischio di malattie cardiache.

“E questo rischio è clinicamente più significativo in quelli con malattie della pelle più gravi”, osserva Gelfand. “Le persone con psoriasi dovrebbero essere sottoposte a screening per i tradizionali fattori di rischio cardiovascolare come ipertensione, diabete e colesterolo alto e dovrebbero adottare uno stile di vita sano per il cuore, indipendentemente dal fatto che assumano farmaci biologici o meno. “

CORRELATI: Psoriasi e malattie cardiache: la connessione nascosta

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla psoriasi!

Le ultime novità sulla psoriasi

Tu – Sì, tu! – Può diventare un sostenitore del paziente con psoriasi

Di Howard Chang, 25 marzo 2021

La vita con la psoriasi come un americano asiatico può significare “mangiare amaro”

Di Howard Chang, 3 marzo 2021

Cosa fare se i trattamenti topici non sono sufficienti per la tua psoriasi

Man mano che la tua condizione progredisce, potresti dover prendere in considerazione trattamenti sistemici per gestire i sintomi.

Di Colleen de Bellefonds, 23 febbraio 2021

10 segni che è ora di chiamare il tuo dermatologo sulla psoriasi

Ci possono essere momenti in cui devi contattare il tuo dermatologo tra le tue visite regolarmente programmate.

Di Colleen de Bellefonds, 23 febbraio 2021

Come affrontare i cambiamenti dell’assicurazione sanitaria con la psoriasi

Di Howard Chang, 29 gennaio 2021

Com’è vivere 35 anni con la psoriasi: la storia di Glenn

Ecco come un uomo di New York City ha trascorso metà della sua vita a gestire la condizione.

Di Colleen de Bellefonds, 28 gennaio 2021

5 consigli per gestire la psoriasi del piede

La psoriasi può colpire https://harmoniqhealth.com/it/prostaticum/ i tuoi piedi, rendendo gli spostamenti una sfida. Ecco i passaggi che puoi eseguire per prevenire i problemi.


Copyright © HoaBi Co., Ltd. All Rights Reserved.